Bibliografia

Veduta notturna del quartiere di Friedrichshain dal ponte Oberbaum

In questa pagina raccolgo, e quando ho qualcosa da dire commento, scritti, letture, musica e film interessanti sulla città di Berlino. Si tratta di un lavoro in divenire che aggiornerò di continuo.

LIBRI

AA VV, Berlino un viaggio letterario, a cura di Flavia Arzeni, Sellerio, 1997, Palermo. Si tratta di una affidabilissima antologia di scrittori berlinesi e di scritti sulla città di Berlino. L’antologia è preceduta da un’introduzione storica molto bella e utile. Un libro consigliato a chi voglia conoscere la storia e le molte facce della città tedesca. Da questo libro si possono leggere: Alfred Döblin, Berlin Alexanderplatz; Zweig Stephen, Cosa cercavo a Berlino.

AGAZZI ELENA, Berlino. Piccolo manuale di viabilità letteraria, 2009, Unicopli. Si tratta di una guida letteraria e di un compendio di letteratura berlinese; l’autrice passeggiando per le strade della città, racconta vite di scrittori e cita scritture. Da questo libro si può leggere Franz Hessel, Il flâneur; Elias Canetti, Farsi vedere.

Benjamin Walter, Infanzia berlinese attorno al millenovecento, Einaudi. Oggetti, luoghi, situazioni diventano “reperti proustiani” attorno ai quali Benjamin scava con pazienza da collezionista d’arte e una lingua fastosa, filosofica, per riportare alla luce il passato individuale e collettivo. Nel capitolo dedicato al Tiergarten, il grande parco al centro di Berlino, originariamente riserva di caccia dei principi elettori e nel XIX fu trasformato in parco all’inglese, inizia con la frase che come un mantra io mi ripeto ogni volta che intraprendo un’esplorazione: «Non sapersi orientare in una città non significa molto. Ci vuole invece una certa pratica per smarrirsi in essa come ci si smarrisce in una foresta. I nomi delle strade devono parlare all’errabondo come lo scricchiolio dei rami secchi, e le viuzze del centro gli devonoscandire senza incertezze, come in motagna un avvallamento, le ore del giorno».

Darnton Robert, Berlin journal 1989- 1990, Norton & Company, New York 1991. Di questo libro si può leggere “La notte che Micheal Jackson fece crollare il muro di Berlino”.

Durs Grünbein, Il primo anno. Appunti berlinesi, Einaudi. Qui si può leggere il brano: No. Non sono di Berlino neanch’io.

Hessel Franz, L’arte di andare a passeggio, Elliot edizioni. Qui si può leggere una recensione.

Kara Yadé, Salam Berlino, edizioni e/o, 2005. Qui si può leggere la nota della traduttrice Marina Pugliano

Maron Monika, La mia Berlino, Bollati-Boringhieri, 2005, Torino. Qui si può leggere il brano: Berlino invece è popolata di me.

Montrucchio Alessandra, Berlino, Feltrinelli, Milano, 2007.

Viktor Šklovskij, Zoo o lettere non d’amore, Sellerio, Palermo, 2002. Questo straordinario antiromanzo epistolare è ambientato a Berlino, e contiene alcune descrizioni splendide della città agli inizi del ‘900. Leggi “Com’é noto a Berlino i russi vivono nei pressi dello Zoo”.

Aleš Šteger, Berlino, Zandonai, 2009. Quaderno di prose poetiche e narrative allo stesso tempo che segue lo stesso sistema di catalogo dell’Infanzia Berlinese di Benjamin: partendo da occasioni, situazioni e icone apparentemente tipiche divaga a proposito del carattere della città e dei suoi abitanti. Qui una splendida descrizione.

Zamboni Massimo, Il mio primo dopoguerra -cronache dalle macerie, Mondadori.Qui si può leggere una specie di recensione che ho fatto io: Vita alternativa nella Berlino degli anni ’80 ’90.

DIARIO BERLINESE

Clickando sui titoli sotto ciascuna fotografia, si accende ad alcuni brani di diario tenuto nella città di Berlino.

Viktoria park, Kreuzberg

07-04-2010 Viktoria park, Kreuzberg, 2009.

Seduto sulla riva della Sprea

maggio 2009, Seduto sulla riva della Sprea.

klub der visionäre, Kreuzberg

Aprile 2008, Klub der Visionäre.