Alcuni preferiscono “il monologo interiore”/ A me piace picchiare la gente

L.

A me piace picchiare la gente
assenza di passione, principi, amore. Lei mormora
A balzarmi all’occhio fu solo l’ombrello di un diavolino
e se dovessi venire ora e pizzicarmi
mentre esco per un caffè
…come stavo dicendo inverno di 18 bernoccoli
Giorni producono ubicazioni di vita per bandire la 7 Up
Nomadi, miei bambini, dove siete? La vita è
Il mio sogno il che è uno sparo nella mia poesia
Arancio cavità di sogni mescolano dentro “Le Poesie”
Qualsiasi cosa succederà, sta già succedendo
Alcuni preferiscono “il monologo interiore”
A me piace picchiare la gente.

[Ted Berrigan, The Sonnets, Penguin Random House. Trad. Laura Solomon -Loris Righetto]