Lettera di invito agli scrittori di Verona e non solo

Quella che segue è una lettera di invito agli scrittori di Verona e non solo a partecipare con una poesia o una prosa a “La lontananza è in noi”, lettura in occasione della festa del quartiere di Veronetta, che si terrà il 24 settembre 2011, all’interno di Porta Vescovo.

Caro amico o amica,

ti invio questa lettera perché sono a conoscenza della tua passione per la letteratura e del fatto che vivi, lavori o conosci il quartiere multiculturale di Veronetta. Vorrei a questo proposito segnalarti un’iniziativa molto bella e farti una proposta che ti potrebbe interessare.

Per il secondo anno consecutivo, la federazione Fevoss, in accordo con il comune di Verona, e l’aiuto di altre organizzazioni presenti sul territorio, allestiranno nei giorni 10-11 e 24-25 settembre 2011 la festa del quartiere; si chiamerà “Festa del buon vicinato”.

Per l’occasione molti eventi culturali sono in elaborazione; a breve sarà distribuito il programma dei festeggiamenti, ma posso anticiparti che ci sarà teatro, musica, buona cucina, danze dal mondo, una mostra fotografica e… una gara di bellezza piuttosto singolare.

Anche la letteratura parteciperà a questa festa. È stato chiesto a me e Margherita Sciarretta di organizzare una lettura pubblica, che dovrà tenersi il 24 Settembre 2011, intorno alle 19:00, all’interno di Porta Vescovo, e alla presenza delle autorità inaugurerebbe una mostra fotografica sulla vita quotidiana nel quartiere, dal titolo “Veronette”, a cura del docente Giancarlo Beltrame e del fotografo Marco Ambrosi.

Probabilmente non ti sarà sfuggita la straordinaria ricchezza di queste strade: università, istituti religiosi e militari, assocazioni umanitarie, studenti, cittadini e migranti da tutto il mondo camminano ogni giorno sui marciapiedi di questa parte della città, ciascuno portando il suo personale contributo nel creare quel vivace e multiculturale carattere che rende speciale Veronetta.

Per raccontare tanta varietà di modi di essere, ci è sembrato naturale rivolgerci anche a te. Chi meglio di uno scrittore può cercare parole per il quartiere in cui vive?

Ci piacerebbe che tu prendessi parte in prima persona alla lettura del 24 settembre con una poesia o una prosa, preferibilmente nella tua lingua materna, italiano, dialetto veronese, tedesco o arabo popolare o qualunque altra lingua. Sarebbe bellissimo e uno specchio realistico della ricchezza culturale di questo quartiere!

Thea Griminelli e Margherita Sciarretta, due lettrici professioniste, si occuperanno di leggere la traduzione in italiano per i presenti. Il musicista Tommaso Castiglioni accompagnerà le letture.

Per mantenere un filo del discorso, abbiamo dato un titolo alla lettura: “La lontananza è in noi”. Si tratta di un pezzetto di una frase dello scrittore e regista Mario Soldati, presa dal racconto di viaggio “America primo amore”.

La frase completa recita così “…il luogo di partenza si allontana e sostituisce la meta nell’irrealtà dei ricordi; guadagnamo una e perdiamo l’altro. La lontananza è in noi, vera condizione umana”.

Queste parole ci sono sembrare appropriate al quartiere di Veronetta non solo perché ospita persone che vengono da altre parti del mondo, ma anche perché la nostalgia della casa dell’infanzia, e il desiderio di futuro e di benessere, sono sentimenti condivisibili anche da chi a Veronetta è nato e cresciuto.

Se desideri partecipare, o anche avere qualche informazione in più, puoi scrivere all’indirizzo lorisrighetto@gmail.com, o anche contattare Margherita su Facebook.

Purtroppo, se le adesioni saranno molte, non sarà possibile far leggere tutti, per una mera questione di tempo. I minuti disponibili saranno una cinquantina. Dovremo per forza fare delle scelte. Privilegeremo quelle più interessanti in accordo al tema e all’occasione molto ufficiale.

Ti chiediamo, se decidi di partecipare, di inviarci un testo breve, di tua scelta, sui tre quattro minuti, e nel più breve tempo possibile. Sulla lunghezza valuteremo anche delle eccezioni, di fronte a testo di inequivocabile interesse o bellezza. Assicuriamo la massima attenzione e rispetto nella lettura di tutte le proposte che ci arriveranno.

Nella speranza di poter contare sulla tua preziosa collaborazione, ti ringraziamo e ti auguriamo buon lavoro.

Loris Righetto
Margherita Sciarretta