Stavo pensando

È come se ci fosse un altro me, dentro di me, che ordisce automaticamente  storie quando sono sovrapensiero o addormentato. Una vena creativa sotterranea, bizzarra e coraggiosa, che se riuscissi ad ascoltarla, a portarla alla luce, mi permetterebbe di esprimere un punto di vista unico e autentico, che è poi quello che in questo momento non mi sento di riuscire a fare da sveglio.